A place of..., 2010,Collage e acrilico s
IVA KONTIC A PLACE OF...

Dal 15 Dicembre 2010 al 11 Febbraio 2011 | Osart Gallery, Milano

A cura di Alberto Mugnaini

La ricerca di Iva Kontic, attraverso l’uso complementare della pittura, del video e dell’audioregistrazione, è diretta a una ricognizione dei luoghi che rappresentano la spazialità del nostro quotidiano.

La pittura, che per l’artista diventa quasi una reazione automatica della percezione, si prospetta come uno “strumento del comunicare” peculiare del corpo. Filtrata da un’esecuzione manuale che scarta qualsiasi intento espressivo, la documentazione per via di pittura, diviene, tramite questa pratica, un medium freddo, il procedere del pennello è come un processo fotografico espanso nel corpo e diluito nel tempo. Il dipingere diventa l’obiettivo. La direzionalità, la prospettiva, la mira di questa pittura-obiettivo viene poi guidata affettivamente, inquadrata emozionalmente: si tratta di trame architettoniche, intelaiature di finestre, interni e luoghi di lavoro scanditi secondo un’ottica che ne fa risaltare geometrie e ordine compositivo.

I dipinti sono accompagnati, supportati e integrati da una voce fuori campo. O meglio, chi è fuori campo è il parlante, mentre il suo discorrere entra in scena, scalda la scena, la riempie di contenuti emozionali e ne svela i risvolti lirici, le delicatezze sentimentali, le sfumature affettive. La pittura, usata come uno strumento neutralizzato, viene così direzionata in modo passionale, alla ricerca di angoli nascosti, di scenari del cuore da condividere con gli spettatori. Si potrebbe parlare di ritrattistica di luoghi, alla ricerca di pose che ne svelino tutte le anime in essi imprigionate. Si spiega così come l’uso del video e della documentazione tramite una camera, che sono pratiche acquisite successivamente dall’artista, avessero già un corrispettivo nel suo modo di dipingere.

Anche il video proiettato in mostra, che fa parte della trilogia An Urban Story, mantiene un forte legame con la realtà circostante quotidiana, geo-storicamente contestualizzata. L’artista ha chiesto a un amico di accompagnarla in un giro in auto attraverso la città da lui abitata, invitandolo a scegliere il percorso e a commentare in presa diretta le immagini riprese dall’abitacolo.

Compito di questa ricognizione è interrogare gli spazi, ripercorrerne le storie, rievocare le esistenze che vi si sono svolte, captarne l’atmosfera sentimentale, il vissuto dei suoi abitanti: una storia di città che, attraverso la visione, riesce a mostrarci l’invisibile.

Corso Plebisciti 12, 20129 Milano

T. +39 02 5513826 M. +39 349 8322083

Mail to: info@osartgallery.com

Privacy and cookies policy

P.IVA: 07799670968

  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube

© 2020 by OSART GALLERY